Salta il contenuto
CONSEGNA IN TUTTA ITALIA IL GIORNO SUCCESSIVO AL TUO ORDINE!
CONSEGNA IN TUTTA ITALIA IL GIORNO SUCCESSIVO AL TUO ORDINE!

Tignanello 2017 - Antinori

Prezzo originale €89,00 - Prezzo originale €89,00
Prezzo originale
€89,00
€89,00 - €89,00
Prezzo scontato €89,00
iva inclusa
Categoria: Vino rosso
Provenienza: Toscana
Annata: 2017
Formato: 750 ml
Denominazione: IGT
Vitigni: Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc
Alcol:13,5 % vol.
Temperatura di servizio: 18/20 °C
Aroma: N.D.
Abbinamenti: Arrosto, pietanze a base di carni grigliate, salumi, primi piatti importanti, formaggi stagionati saporiti e speziati

È stato il primo Sangiovese ad essere affinato in barriques, il primo vino rosso moderno assemblato con varietà non tradizionali (quali il Cabernet), e tra i primi vini rossi nel Chianti Classico a non usare uve bianche. Tignanello è una pietra miliare. È prodotto con una selezione di Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc. Impossibile non citare la sua etichetta, disegnata da Silvio Coppola nel 1974. Il Marchese Piero Antinori, attuale Presidente Onorario, decise di far firmare l’etichetta di Tignanello a suo padre, Niccolò Antinori, come simbolo di riconoscenza per la fiducia dimostratagli.

Antinori

Famiglia patrizia già attiva nel commercio nel 1302, gli Antinori furono protagonisti nella fiorente attività economica della città tra il 1336 e il 1340. E già a partire dal 1385, Giovanni di Pietro Antinori entrò nella compagnia dell'Arte dei Vinattieri. La stessa attività che i suoi eredi hanno proseguito secolo dopo secolo, arrivando fino al giorno d'oggi. Decima azienda familiare più antica del mondo, sono 26 generazioni che qui si fa vino, nel rispetto di una tradizione che si perde ai tempi di Leonardo da Vinci ma con l'attenzione indispensabile a presentare prodotti di altissima qualità anche al consumatore d'oggi. "Le antiche radici giocano un ruolo importante nella nostra filosofia, ma non hanno mai inibito il nostro spirito innovativo", ama dire il Marchese Piero. E per questo le tradizionali tenute in Toscana e Umbria hanno accolto nei secoli e decenni uve autoctone e internazionali, coltivazioni e fermentazioni sempre nuove e coerenti con una tradizione già apprezzata da Caterina e Cosimo III de' Medici.