Salta il contenuto
CONSEGNA IN TUTTA ITALIA IL GIORNO SUCCESSIVO AL TUO ORDINE!
CONSEGNA IN TUTTA ITALIA IL GIORNO SUCCESSIVO AL TUO ORDINE!

Lone Wolf GinTonic - Brewdog (Lattina)

Prezzo originale €3,90 - Prezzo originale €3,90
Prezzo originale
€3,90
€3,90 - €3,90
Prezzo scontato €3,90
iva inclusa
Categoria: Ready to Drink
Provenienza: Irlanda
Alcol: 6,5 % vol.
Formato: N.D.
Ingredienti: 12 botaniche ed acqua tonica, gin

Un cocktail pre-miscelato a partire dal Gin e dalla Tonica di casa LoneWolf. I botanicals utilizzati nel gin lo caratterizzano con sentori citrici in ingresso, prevalentemente scorza di limone, lime e lemongrass, per poi aprirsi su un'importante profilo speziato con note di ginepro, cardamomo e pepe rosa. L'aggiunta di acqua tonica esalta i sentori agrumati grazie alla presenza di pompelmo rosa ed equilibra la bevuta addolcendo i toni e rendendo il cocktail eccezionalmente fresco.

Brewdog

Due amici al bar, che si ritrovano come ogni sera intorno a un tavolo e discutono sulle birre scadenti che si ritrovano davanti, tipiche di una produzione smaccatamente industriale che caratterizza fin troppo il mercato delle isole britanniche. Sono James e Martin, due ragazzi di appena 24 anni, il luogo è Fraserburgh, anonimo centro di pescatori nel nord della Scozia, e l'anno è il 2007. Quello scambio di battute dà origine a un'idea, e quell'idea genera un progetto che ben presto darà vita a un piccolo impero. Quello è infatti il giorno in cui nasce la BrewDog. Marchio che oggi ha reso le IPA un autentico must su tutte le tavole del mondo. Il progetto di James e Martin non è facile. Infatti, quando affittano un locale nell'aprile di quel freddo 2007, sono costretti a chiedere prestiti in banca che spaventerebbero chiunque, ma indispensabili per investire un ingente capitale in acciaio inossidabile destinato a contenere le loro prime, estreme birre fatte a mano. Fatte letteralmente a mano, dato che erano loro stessi a riempire singolarmente ogni bottiglia di BrewDog, per poi provare a venderla nei mercati locali dopo aver smontato un vecchio furgone tutto ammaccato. I due giovani, però, ci sapevano fare eccome. Mossi da un desiderio tanto profondo quanto tangibile, come quello di appassionare le genti del mondo alla birra artigianale. E già l'anno successivo la loro produzione della birra più forte della storia britannica attirò su di loro l'attenzione dei media. E qualche ostacolo, certo, ma anche le prime richieste di esportazione dalla Svezia, gli Stati Uniti, addirittura il Giappone. BrewDog si stava già costruendo un nome, in una parabola destinata a crescere a dismisura negli anni successivi. Basti pensare ai 10 mila nuovi soci del 2013. E il tutto era nato dalla lamentela per una birra troppo scadente, una sera, in un piccolo bar di pescatori...