Salta il contenuto
La start up che che ti porta la spesa da bere direttamente a casa tua!
La start up che che ti porta la spesa da bere direttamente a casa tua!

Il Frate - Castello Degli Angeli

Prezzo originale €11,50 - Prezzo originale €11,50
Prezzo originale
€11,50
€11,50 - €11,50
Prezzo attuale €11,50
iva inclusa
Categoria: Vino rosso
Provenienza: Lombardia
Annata: S.A.
Formato: 750 ml
Denominazione: Valcalepio Rosso DOP
Vitigni: Cabernet Sauvigno e Merlot 50%, Syrah 50%, Cabernet Franc, Mourvedre, Petit Verdot
Alcol: 15 % vol.
Temperatura di servizio: 18 °C
Aroma: Note di frutti di bosco, vaniglia, pepe
Abbinamenti: Carni rosse, formaggi stagionati

Colore rosso rubino, profumo intenso con note di frutti di bosco, vaniglia e spezie. Gusto secco, strutturato, complesso con tannino maturo, note di frutta rossa e finale speziato e balsamico.

Castello Degli Angeli

In Lombardia, nel borgo di Carobbio degli Angeli sorge il colle di Santo Stefano che dal 1996 accoglie i vigneti dell’azienda vitivinicola. Nata per passione oggi è una delle più piccole aziende italiane affermatasi in concorsi nazionali e internazionali con distribuzione quasi totalmente all'estero. Due ettari di vigneto incorniciano il colle di Santo Stefano le cui caratteristiche, associate a potature drastiche e vendemmia verde, anticipano la qualità che in cantina enologi geniali, prima Rainer Zierock ora Fabio Bigolin trasformano in un’aristocratica espressione d’arte enoica. I principi fondanti e il futuro dell'azienda si allontanano dalla più industriale e commerciale produzione vitivinicola italiana. I vigneti di Castello degli Angeli sono una collezione ampelografica e la filiera di coltivazione e produzione sono totalmente artigianale dove il lavoro dell’uomo ha un valore impagabile e non potrà mai essere sostituito da automazioni. La sua più grande intuizione fu quella di anticipare l’approccio ambientalista alla viticoltura, attraverso la formulazione del Pentagono. Propose una visione olistica della produzione di vino mediante uno schema che richiamava, oltre agli elementi fondamentali del terroir (clima, suolo, vitigno) soprattutto l’uomo, depositario di cultura, tradizione ed etica, senza questi elementi sarebbe solo un’attività economica senza lo spirito delle origini.