Salta il contenuto
Siamo la start up che che ti porta da bere direttamente a casa tua!
Siamo la start up che che ti porta da bere direttamente a casa tua!

Doree Cl.33 - Chimay

Risparmi 14% Risparmi 14%
Prezzo originale €2,90
Prezzo originale €2,90 - Prezzo originale €2,90
Prezzo originale €2,90
Prezzo attuale €2,50
€2,50 - €2,50
Prezzo attuale €2,50
iva inclusa
Categoria: Patersbier
Provenienza: Belgio
Formato: 330 ml
Gradazione: 4,8 % vol.
Colore: Bionda chiara
Aroma: Frutta
Gusto: Agrumi e spezie

La Chimay Dorée, prodotta nel cuore dell’Abbazia di Scourmont e fino ad ora riservata alla comunità monastica, ai suoi ospiti ed ai suoi collaboratori, oggi si svela con i suoi aromi rinfrescanti di luppolo e spezie.

Chimay

Tradizione secolare e birra. Due concetti che, quando vengono abbinati, non possono che evocare un luogo molto specifico in una terra altrettanto circoscritta: le Abbazie in Belgio. Queste birre, frutto di un lavoro così rigoroso e certosino, sono nate nel 1664. Fu quello l'anno in cui l'abate di La Trappe stabilì un nuovo codice di comportamento per i suoi monaci, con regole ancora più severe da rispettare all'interno dell'abbazia. Nacque quindi l'ordine dei Monaci Cistercensi della Stretta Osservanza, anche detti trappisti. Tra le norme introdotte in quel fatidico 1664 spicca l'obbligo di bere solo acqua, con i monaci che iniziarono a produrre birra con i prodotti da loro stessi coltivati a fini di sostentamento. Da un selvaggio altopiano a un riferimento per la comunità. Lo stesso avvenne a partire dal 1850 sull'altopiano selvaggio di Scourmont, dove un piccolo gruppo di rigidissimi monaci occupò l'Abbazia di Notre-Dame su ordine del Principe di Chimay. Qui, in una radura nella foresta delle Ardenne a pochi passi dal confine con la Francia, la solitudine monacale si accompagnava alla preghiera e al lavoro. Lavoro da cui è nata una delle birre trappiste oggi più famose e amate al mondo. I monaci si integrarono alla perfezione con la cittadinanza, tanto da sviluppare attività economiche che permisero a tanti di trovare un nuovo lavoro. Trappisti nel terzo millennio: un equilibrio che resiste e rinasce.