Bevo.it

SPEDIZIONE GRATUITA OLTRE 69 €

Caratteristiche


pronta consegna
Pronta consegna garantita| si
Categoria
Categoria | Pale Ale
formato
Formato | 330 ml
Gradazione
Gradazione | 4, 5% vol.
Provenienza
Provenienza | Scozia
colore
Colore | bionda
Aroma
Aroma | agrumati, tropicali
Gusto
Gusto | amaro
Giudizio
Giudizio di bevo.it | ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA

Vagabond Gluten Free Cl.33 – Brewdog

3,45 3,00

Il birrificio Brewdog ogni anno crea dei prototipi di birra che vengono poi votati nei vari locali e pub per decidere quali successivamente produrre in grandi quantità. La Prototype Vagabond Pale Ale è la Gluten-Free vincitrice di una di queste edizioni. Prodotta con luppoli Amarillo e Centennial che le donano piacevole retrogusto agrumato con note di cereali.

BrewDog

 

Due amici delusi al bar e la loro idea geniale

 

Due amici al bar, che si ritrovano come ogni sera intorno a un tavolo e discutono sulle birre scadenti che si ritrovano davanti, tipiche di una produzione smaccatamente industriale che caratterizza fin troppo il mercato delle isole britanniche. Sono James e Martin, due ragazzi di appena 24 anni, il luogo è Fraserburgh, anonimo centro di pescatori nel nord della Scozia, e l’anno è il 2007. Quello scambio di battute dà origine a un’idea, e quell’idea genera un progetto che ben presto darà vita a un piccolo impero. Quello è infatti il giorno in cui nasce la BrewDog. Marchio che oggi ha reso le IPA un autentico must su tutte le tavole del mondo.

Gli inizi difficili, tra debiti e un furgone scassato

 

Il progetto di James e Martin non è facile. Infatti, quando affittano un locale nell’aprile di quel freddo 2007, sono costretti a chiedere prestiti in banca che spaventerebbero chiunque, ma indispensabili per investire un ingente capitale in acciaio inossidabile destinato a contenere le loro prime, estreme birre fatte a mano. Fatte letteralmente a mano, dato che erano loro stessi a riempire singolarmente ogni bottiglia di BrewDog, per poi provare a venderla nei mercati locali dopo aver smontato un vecchio furgone tutto ammaccato.

La nuova sensazione della birra nel mondo

 

I due giovani, però, ci sapevano fare eccome. Mossi da un desiderio tanto profondo quanto tangibile, come quello di appassionare le genti del mondo alla birra artigianale. E già l’anno successivo la loro produzione della birra più forte della storia britannica attirò su di loro l’attenzione dei media. E qualche ostacolo, certo, ma anche le prime richieste di esportazione dalla Svezia, gli Stati Uniti, addirittura il Giappone. BrewDog si stava già costruendo un nome, in una parabola destinata a crescere a dismisura negli anni successivi. Basti pensare ai 10 mila nuovi soci del 2013. E il tutto era nato dalla lamentela per una birra troppo scadente, una sera, in un piccolo bar di pescatori…

Vagabond Gluten Free Cl.33 – Brewdog

3,45 3,00

Caratteristiche


pronta consegna
Pronta consegna garantita| si
Categoria
Categoria | Pale Ale
formato
Formato | 330 ml
Gradazione
Gradazione | 4, 5% vol.
Provenienza
Provenienza | Scozia
colore
Colore | bionda
Aroma
Aroma | agrumati, tropicali
Gusto
Gusto | amaro
Giudizio
Giudizio di bevo.it | ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA

Il birrificio Brewdog ogni anno crea dei prototipi di birra che vengono poi votati nei vari locali e pub per decidere quali successivamente produrre in grandi quantità. La Prototype Vagabond Pale Ale è la Gluten-Free vincitrice di una di queste edizioni. Prodotta con luppoli Amarillo e Centennial che le donano piacevole retrogusto agrumato con note di cereali.

BrewDog

 

Due amici delusi al bar e la loro idea geniale

 

Due amici al bar, che si ritrovano come ogni sera intorno a un tavolo e discutono sulle birre scadenti che si ritrovano davanti, tipiche di una produzione smaccatamente industriale che caratterizza fin troppo il mercato delle isole britanniche. Sono James e Martin, due ragazzi di appena 24 anni, il luogo è Fraserburgh, anonimo centro di pescatori nel nord della Scozia, e l’anno è il 2007. Quello scambio di battute dà origine a un’idea, e quell’idea genera un progetto che ben presto darà vita a un piccolo impero. Quello è infatti il giorno in cui nasce la BrewDog. Marchio che oggi ha reso le IPA un autentico must su tutte le tavole del mondo.

Gli inizi difficili, tra debiti e un furgone scassato

 

Il progetto di James e Martin non è facile. Infatti, quando affittano un locale nell’aprile di quel freddo 2007, sono costretti a chiedere prestiti in banca che spaventerebbero chiunque, ma indispensabili per investire un ingente capitale in acciaio inossidabile destinato a contenere le loro prime, estreme birre fatte a mano. Fatte letteralmente a mano, dato che erano loro stessi a riempire singolarmente ogni bottiglia di BrewDog, per poi provare a venderla nei mercati locali dopo aver smontato un vecchio furgone tutto ammaccato.

La nuova sensazione della birra nel mondo

 

I due giovani, però, ci sapevano fare eccome. Mossi da un desiderio tanto profondo quanto tangibile, come quello di appassionare le genti del mondo alla birra artigianale. E già l’anno successivo la loro produzione della birra più forte della storia britannica attirò su di loro l’attenzione dei media. E qualche ostacolo, certo, ma anche le prime richieste di esportazione dalla Svezia, gli Stati Uniti, addirittura il Giappone. BrewDog si stava già costruendo un nome, in una parabola destinata a crescere a dismisura negli anni successivi. Basti pensare ai 10 mila nuovi soci del 2013. E il tutto era nato dalla lamentela per una birra troppo scadente, una sera, in un piccolo bar di pescatori…

Iscriviti alla newsletter di Bevo.itRicevi subito il 10% di sconto per il tuo primo acquisto!

** Utilizzi GMail o Hotmail? Controlla nella cartella "Promozioni" 

Carrello della spesa
There are no Prodottos in the cart!
Continua a fare acquisti
0