Bevo.it

SPEDIZIONE GRATUITA OLTRE 69 €

Caratteristiche


pronta consegna
Pronta consegna garantita| si
Categoria
Categoria | tripel
formato
Formato | 330 ml
Gradazione
Gradazione | 8,4 % vol.
Provenienza
Provenienza | Belgio
colore
Colore | dorato
Aroma
Aroma | agrumi, lievito, miele
Gusto
Gusto | fruttato e piacevole
Giudizio
Giudizio di bevo.it | DA FAR GIRAR LA TESTA

Tripel Karmeliet Cl.33 – Bosteels

3,10 2,70

Tripel Karmeliet – Bosteels

Un nome che racchiude una lunga storia, una tradizione che ha attraversato i secoli, per arrivare intatta sulla vostra tavola. Si tratta di un grande classico della produzione belga, semplice e complessa, nata dalla lavorazione di tre cereali: orzo, frumento e avena. E che nasce dall’antica ricetta di un monastero carmelitano, quello di Dendermonde, dove viene realizzata nello stesso modo dal lontano 1679. Tre cereali nelle sapienti mani dei carmelitani: ecco perché Triple Karmeliet. Ma non fatevi ingannare dalla semplicità delle materie prime, perché questa birra secolare vi saprà lasciare incantati con i suoi aromi complessi e raffinati, frutto delle note di vaniglia e lo spiccato sentore di banana. Abbandonatevi ai richiami agrumati e di spezie orientali, come lo zenzero e il coriandolo. Per poi affondare la vostra anima oltre la tipica, bianchissima schiuma cremosa e scoprire un sapore dolce e persistente, eppure incredibilmente secco. Un gusto secolare, tramandato di generazione in generazione per regalarvi un brindisi avvolgente e di cui non potrete più fare a meno.

Bosteels

 

Da una piccola fabbrica di famiglia a una vera dinastia

 

La birra, in Belgio, è spesso una cosa seria. Una vera e propria arte, una missione secolare, un affare di famiglia. E uno dei simboli di tutto questo è Bosteels Brewery. Che oltre 200 anni fa non era altro che una delle tantissime fabbriche di birra a conduzione familiare, che quasi ogni villaggio vantava. Ma la visione di Evarist Bosteels, che aprì i battenti nel lontano 1791, era destinata a cambiare per sempre la storia di Buggenhout, anonimo centro di meno di 15 mila anime. Perché quel retaggio è giunto fino ai giorni nostri, tramutandosi in una dinastia che oggi raggiunge ogni angolo del mondo. Come simbolo di tradizione, qualità e passione.

Di padre in figlio, puntando sempre in alto

 

Il retaggio dei Bosteels si è tramutato di padre in figlio secolo dopo secolo, mentre gli eredi della tradizione acquisivano sempre più importanza non solo nel commercio birrario, ma anche nella vita sociale del luogo. Si pensi a Frans, nipote di Evarist e che di Buggenhout divenne addirittura sindaco per ben 13 anni. Decisivo fu però Leon, a capo dell’azienda dal 1938 e per un tempo superiore a 50 anni. A lui si deve l’espansione della fabbrica, a lui l’esportazione del marchio alla conquista del mondo. Un testimone oggi ben saldo nelle mani di Antoine, esponente della settima generazione di Bosteels e proprietario di un piccolo impero che rappresenta il perfetto anello di congiunzione tra la birra artigianale e un’impresa dal respiro internazionale.

Un segreto che ha attraversato i secoli

 

Il segreto di Bosteels è ancora oggi quello di 200 anni fa: maneggiare la tradizione, rispettarla in ogni suo minimo dettaglio ed elevarla al suo massimo potenziale in base ai più avanzati metodi produttivi. Senza mai rinunciare a un marchio di fabbrica secolare: la qualità. La stessa che permise alla Kwak, una delle birre più note della casa, di conquistare la World Exhibition già nel 1876. E di essere servita ancora oggi nei migliori bar di ogni angolo del mondo, oltre che nelle case di chi sa di volersi regalare una birra che si limita a rispettare la storia. La riscrive ogni giorno.

Tripel Karmeliet Cl.33 – Bosteels

3,10 2,70

Caratteristiche


pronta consegna
Pronta consegna garantita| si
Categoria
Categoria | tripel
formato
Formato | 330 ml
Gradazione
Gradazione | 8,4 % vol.
Provenienza
Provenienza | Belgio
colore
Colore | dorato
Aroma
Aroma | agrumi, lievito, miele
Gusto
Gusto | fruttato e piacevole
Giudizio
Giudizio di bevo.it | DA FAR GIRAR LA TESTA

Tripel Karmeliet – Bosteels

Un nome che racchiude una lunga storia, una tradizione che ha attraversato i secoli, per arrivare intatta sulla vostra tavola. Si tratta di un grande classico della produzione belga, semplice e complessa, nata dalla lavorazione di tre cereali: orzo, frumento e avena. E che nasce dall’antica ricetta di un monastero carmelitano, quello di Dendermonde, dove viene realizzata nello stesso modo dal lontano 1679. Tre cereali nelle sapienti mani dei carmelitani: ecco perché Triple Karmeliet. Ma non fatevi ingannare dalla semplicità delle materie prime, perché questa birra secolare vi saprà lasciare incantati con i suoi aromi complessi e raffinati, frutto delle note di vaniglia e lo spiccato sentore di banana. Abbandonatevi ai richiami agrumati e di spezie orientali, come lo zenzero e il coriandolo. Per poi affondare la vostra anima oltre la tipica, bianchissima schiuma cremosa e scoprire un sapore dolce e persistente, eppure incredibilmente secco. Un gusto secolare, tramandato di generazione in generazione per regalarvi un brindisi avvolgente e di cui non potrete più fare a meno.

Bosteels

 

Da una piccola fabbrica di famiglia a una vera dinastia

 

La birra, in Belgio, è spesso una cosa seria. Una vera e propria arte, una missione secolare, un affare di famiglia. E uno dei simboli di tutto questo è Bosteels Brewery. Che oltre 200 anni fa non era altro che una delle tantissime fabbriche di birra a conduzione familiare, che quasi ogni villaggio vantava. Ma la visione di Evarist Bosteels, che aprì i battenti nel lontano 1791, era destinata a cambiare per sempre la storia di Buggenhout, anonimo centro di meno di 15 mila anime. Perché quel retaggio è giunto fino ai giorni nostri, tramutandosi in una dinastia che oggi raggiunge ogni angolo del mondo. Come simbolo di tradizione, qualità e passione.

Di padre in figlio, puntando sempre in alto

 

Il retaggio dei Bosteels si è tramutato di padre in figlio secolo dopo secolo, mentre gli eredi della tradizione acquisivano sempre più importanza non solo nel commercio birrario, ma anche nella vita sociale del luogo. Si pensi a Frans, nipote di Evarist e che di Buggenhout divenne addirittura sindaco per ben 13 anni. Decisivo fu però Leon, a capo dell’azienda dal 1938 e per un tempo superiore a 50 anni. A lui si deve l’espansione della fabbrica, a lui l’esportazione del marchio alla conquista del mondo. Un testimone oggi ben saldo nelle mani di Antoine, esponente della settima generazione di Bosteels e proprietario di un piccolo impero che rappresenta il perfetto anello di congiunzione tra la birra artigianale e un’impresa dal respiro internazionale.

Un segreto che ha attraversato i secoli

 

Il segreto di Bosteels è ancora oggi quello di 200 anni fa: maneggiare la tradizione, rispettarla in ogni suo minimo dettaglio ed elevarla al suo massimo potenziale in base ai più avanzati metodi produttivi. Senza mai rinunciare a un marchio di fabbrica secolare: la qualità. La stessa che permise alla Kwak, una delle birre più note della casa, di conquistare la World Exhibition già nel 1876. E di essere servita ancora oggi nei migliori bar di ogni angolo del mondo, oltre che nelle case di chi sa di volersi regalare una birra che si limita a rispettare la storia. La riscrive ogni giorno.

CODICE
BENVENUTO
10%

di sconto sulla tua prima spesa da bere!

Iscriviti alla newsletter di Bevo.itRicevi tutte le novità di bevo.it e il codice sconto per il tuo primo acquisto!

** Utilizzi GMail o Hotmail? Controlla nella cartella "Promozioni" 

Carrello della spesa
There are no Prodottos in the cart!
Continua a fare acquisti
0