Bevo.it

SPEDIZIONE GRATUITA OLTRE 69 €

Caratteristiche


pronta consegna
Pronta consegna garantita| si
Annata
Annata | 2018
Provenienza
Provenienza | Lombardia
Denominazione
Denominazione | Curtefranca bianca DOC
vitigni
Vitigni | 20% Pinot Bianco, 80% Chardonnay
alcol
Alcol | 0 % vol., 13
formato
Formato | 750 ml
Consumo Ideale
Consumo Ideale | N.D.
Temperatura di servizio
Temperatura di servizio | 8°/10°
Aroma
Aroma | aromi di frutta tropicale, miele di acacia e agrumi con contorni minerali
abbinamenti
Abbinamenti | formaggi freschi, frittura di pesce e carni bianche in umido
Giudizio
Giudizio di bevo.it | ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA
Categoria
Categoria | vino bianco

Corte Del Lupo Bianco 2018 – Ca’ Del Bosco

27,90 25,90

Spazio. Infinito e infinitesimale, visibile ed invisibile, esso è nel tutto. Nelle pupille che si perdono all’orizzonte e si restingono mentre guardano ad est il sorgere del sole o ad ovest il tramonto, che segna il termine di una giornata dedicata alla vigna. L’amore per la natura e la devozione per la terra, sono concetti forti e tangibili di percepire lo spazio, quale forma di massima espressione poetica ed artistica della natura. Esso avvolge e protegge il terroir, la vigna, il vignaiolo ed ogni essere vivente. Ed è qui, nella Valle del Lupo, che questo animale è padrone del suo spazio ed ha il potere di portare fecondità, abbondanza e di proteggere il territorio. E’ qui, in questo luogo, che nasce Corte del Lupo Bianco, il vino che dall’immensità della terra si affina negli spazi delle piccole botti di rovere.

Ca’ del Bosco

 

Da una piccola casa a una grande storia

 

Ca’ del Bosco è un nome che sembra evocare una realtà territoriale piccola e modesta, familiare, quasi colloquiale. E di fatto è da qui che parte la storia dietro cui si nasconde una realtà che in pochi anni si sarebbe tramutata in uno dei simboli della Franciacorta in Italia e nel mondo. L’inizio, però, è dal respiro apparentemente corto: sono gli anni ’60, e a Erbusco una piccola casa circondata da boschi e vigneti diventa proprietà di Annamaria Clementi Zanella. È la “ca’ del bosc”, appunto. Quella che ben presto si sarebbe trasformata in una delle cantine più moderne e produttive del Paese.

Tutto in nome dell’eccellenza

 

Il vero fautore di questa esplosione è Maurizio, figlio di Annamaria, che a partire dagli anni ’70 diede corpo e forma a una visione: esportare il nome della Franciacorta in Italia e nel mondo all’insegna di una incessante, ostinata e mai esaurita ricerca dell’eccellenza assoluta. E farlo con quella piccola ma splendida e ricchissima proprietà di famiglia: la “ca’ del bosc”, ormai per tutti Ca’ del Bosco. Un’eccellenza italiana, per materie prime, lavorazione, attenzione e conoscenza. Con un occhio anche all’arte, celebrata sin dall’ingresso della cantina. Che oggi è il “Cancello Solare”, opera in bronzo del celebre scultore Arnaldo Pomodoro.

Un metodo vincente

 

Oggi Ca’ del Bosco vanta oltre 200 ettari vitati di vigneto. Ma alla qualità si accompagna anche la più attenta qualità. “Ci piace chiamarlo Metodo Ca’ del Bosco. Racchiude la nostra idea di Metodo Franciacorta. Qualcosa di personale, forse romantico. Vuol dire avere a cuore l’eccellenza del vino, l’integrità del territorio ed il rispetto della tradizione”, dice Maurizio Zanella. E infatti tutte le vigne (che oggi hanno quasi tutte oltre 40 anni d’età) vengono trattate separatamente, per rispettare ogni peculiarità dei singoli terroir. Di ogni uva si punta a esaltare la massima espressione, una ricetta che ha permesso al marchio di diventare un punto di riferimento ormai planetario.

Corte Del Lupo Bianco 2018 – Ca’ Del Bosco

27,90 25,90

Caratteristiche


pronta consegna
Pronta consegna garantita| si
Annata
Annata | 2018
Provenienza
Provenienza | Lombardia
Denominazione
Denominazione | Curtefranca bianca DOC
vitigni
Vitigni | 20% Pinot Bianco, 80% Chardonnay
alcol
Alcol | 0 % vol., 13
formato
Formato | 750 ml
Consumo Ideale
Consumo Ideale | N.D.
Temperatura di servizio
Temperatura di servizio | 8°/10°
Aroma
Aroma | aromi di frutta tropicale, miele di acacia e agrumi con contorni minerali
abbinamenti
Abbinamenti | formaggi freschi, frittura di pesce e carni bianche in umido
Giudizio
Giudizio di bevo.it | ALMENO UNA VOLTA NELLA VITA
Categoria
Categoria | vino bianco

Spazio. Infinito e infinitesimale, visibile ed invisibile, esso è nel tutto. Nelle pupille che si perdono all’orizzonte e si restingono mentre guardano ad est il sorgere del sole o ad ovest il tramonto, che segna il termine di una giornata dedicata alla vigna. L’amore per la natura e la devozione per la terra, sono concetti forti e tangibili di percepire lo spazio, quale forma di massima espressione poetica ed artistica della natura. Esso avvolge e protegge il terroir, la vigna, il vignaiolo ed ogni essere vivente. Ed è qui, nella Valle del Lupo, che questo animale è padrone del suo spazio ed ha il potere di portare fecondità, abbondanza e di proteggere il territorio. E’ qui, in questo luogo, che nasce Corte del Lupo Bianco, il vino che dall’immensità della terra si affina negli spazi delle piccole botti di rovere.

Ca’ del Bosco

 

Da una piccola casa a una grande storia

 

Ca’ del Bosco è un nome che sembra evocare una realtà territoriale piccola e modesta, familiare, quasi colloquiale. E di fatto è da qui che parte la storia dietro cui si nasconde una realtà che in pochi anni si sarebbe tramutata in uno dei simboli della Franciacorta in Italia e nel mondo. L’inizio, però, è dal respiro apparentemente corto: sono gli anni ’60, e a Erbusco una piccola casa circondata da boschi e vigneti diventa proprietà di Annamaria Clementi Zanella. È la “ca’ del bosc”, appunto. Quella che ben presto si sarebbe trasformata in una delle cantine più moderne e produttive del Paese.

Tutto in nome dell’eccellenza

 

Il vero fautore di questa esplosione è Maurizio, figlio di Annamaria, che a partire dagli anni ’70 diede corpo e forma a una visione: esportare il nome della Franciacorta in Italia e nel mondo all’insegna di una incessante, ostinata e mai esaurita ricerca dell’eccellenza assoluta. E farlo con quella piccola ma splendida e ricchissima proprietà di famiglia: la “ca’ del bosc”, ormai per tutti Ca’ del Bosco. Un’eccellenza italiana, per materie prime, lavorazione, attenzione e conoscenza. Con un occhio anche all’arte, celebrata sin dall’ingresso della cantina. Che oggi è il “Cancello Solare”, opera in bronzo del celebre scultore Arnaldo Pomodoro.

Un metodo vincente

 

Oggi Ca’ del Bosco vanta oltre 200 ettari vitati di vigneto. Ma alla qualità si accompagna anche la più attenta qualità. “Ci piace chiamarlo Metodo Ca’ del Bosco. Racchiude la nostra idea di Metodo Franciacorta. Qualcosa di personale, forse romantico. Vuol dire avere a cuore l’eccellenza del vino, l’integrità del territorio ed il rispetto della tradizione”, dice Maurizio Zanella. E infatti tutte le vigne (che oggi hanno quasi tutte oltre 40 anni d’età) vengono trattate separatamente, per rispettare ogni peculiarità dei singoli terroir. Di ogni uva si punta a esaltare la massima espressione, una ricetta che ha permesso al marchio di diventare un punto di riferimento ormai planetario.

Iscriviti alla newsletter di Bevo.itSubito 10% di sconto per la tua spesa da bere !

** Utilizzi GMail o Hotmail? Controlla nella cartella "Promozioni" 

Carrello della spesa
There are no Prodottos in the cart!
Continua a fare acquisti
0